lunedì 7 dicembre 2015

Curry di lenticchie rosse



Oggi una ricettina saporita a speziatissima, di quelle che adoro.
Il curry di lenticchie rosse è un piatto saporito e davvero equilibrato se non si esagera con la quantità di riso.
La parte più complicata è trovare gli ingredienti per realizzare la pasta di curry rosso, ma c'è di buono che una volta fatta in grande quantità può essere congelata in cubetti e tenuta in freezer per successive occasioni.
Vediamo come si procede :

6  peperoncini rossi di quelli piccoli, Bird Eye
1 scalogno grande
4 spicchi d'aglio tritato
2 radici di lemongrass
1 cucchiaio raso di pasta di gamberetti (nei negozi di specialità asiatiche )
1 cucchiaio di zenzero fresco, tritato
1 cucchiaino e mezzo di semi di coriandolo
1 cucchiaio di coriandolo fresco tritato
1 cucchiaino e mezzo di semi di cumino

Tritare finemente al coltello tutti gli ingredienti freschi, trasferirli  nel boccale di un cutter e frullare fino ad avere una pasta fine ed omogenea, aiutandosi se serve con qualche cucchiaio di olio di semi.

Per il curry di lenticchie rosse ci serviranno inoltre :

250g di lenticchie rosse decoraticate
1 cucchiaio di ghee (burro chiarificato)
1/2 cipolla bionda
2 cucchiai di pasta di curry rosso
1/2 cucchiaio di gara masala
1 cucchiaino di curry in polvere
1/2 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di zucchero di canna
1 spicchio d'aglio tritato
1 cucchiaino di radice di zenzero tritata
200g di pomodori pelati
200g di latte di cocco

250g riso Jasmine o basmati
Yogurt q.b.
Coriandolo fresco

Appassire aglio cipolla e zenzero nel burro, unire le spezie in polvere e la pasta di curry e soffriggere per un paio di minuti stando bene attenti a non bruciare il tutto.
Aggiungere le lenticchie, il pomodoro e coprire a con acqua superando di un dito buono le lenticchie. Cuocere per circa 8-10 minuti.
Unire il latte di cocco, lo zucchero e regolare di sale.
Cuocere altri 5 minuti o fino a che le lenticchie saranno cotte ma non spappolate, se serve unire mano a mano piccole quantità di acqua bollente per gestire la cottura.

Mentre le lenticchie cuociono occupate vi anche del riso.
Lavare il riso in acqua fredda fino a che l'acqua non risulti limpida.
Mettere il riso in una pentola di acciaio con fondo spesso e coprirlo con due dita d'acqua.
Portare a bollore e da questo momento cuocere per 5 minuti a fuoco alto. Spegnere e tappare la pentola con un coperchio ermetico, avvolgente tutto con la pellicola per alimenti per creare una specie di camera chiusa da cui il vapore non fuoriesca e lasciate riposare 10 minuti.
Passati questo tempo rimuovere la pellicola è scoperchiate facendo attenzione a non bruciarvi con il vapore.
Sgranate il riso con una forchetta.

Servire le lenticchie ed il riso spolverizzando con il coriandolo ed accompagnando con lo yogurt.



Mi piace da impazzire ^_____^

Fatemi sapere se provate a farlo.
Baci come sempre,

Mucca








sabato 5 dicembre 2015

Finta pizza di broccolo bianco




Gli esperimenti nella cucina di Mucca non finiscono mai e quello di oggi è stato piuttosto interessante.
Non avrei dovuto assaggiare visto che sto cercando di evitare i latticini, ma per me che adoro letteralmente cavoli e cavolfiori era davvero troppo difficile ^_____^'

In giro leggo spesso di ricette low carb e visto che sono una donna piuttosto curvy e se posso non mi lascio sfuggire l'occasione di dare un taglio ai carboidrati, ma questa ricetta, diciamocelo, non é proprio light visto il quantitativo di formaggio che contiene!
Prendiamola quindi come un piatto vegetariano che ci permette di mangiare la verdure in modo diverso.

La preparazione é molto semplice, l'unico passaggio a cui bisogna fare molta attenzione è quando si elimina l'acqua in eccesso dal broccolo, perché piú sarà ben fatta questa operazione è più asciutta e croccante sarà la base della nostra pizza.

Ed ecco la ricetta :

1 piccolo broccolo bianco
1/4 di tazza di parmigiano grattugiato
1/4 di tazza di provola dolce
1 uovo piccolo
2 o 3 cucchiai di farina di mandorle

Per condire
Salsa di pomodoro già cotta leggermente q.b.
60g mozzarella tritata
Sale, olio e origano q.b.

Preriscaldare il forno a 200 gradi.

Lavare ed asciugare le cimette di broccolo e tritarle nel cutter fino ad avere una consistenza simile al cous cous.
Mettere il trito in un piatto e cuocere al microonde per 4 o 5 minuti alla massima potenza.
Lasciar intiepidire e trasferire tutto al centro di un canovaccio pulito, poi chiudere bene il tessuto e strizzare il broccolo fino a far uscire tutta l'acqua che contiene. È importante eseguire correttamente questo passaggio altrimenti la consistenza della pizza risulterà troppi umida.

Una volta ottenuto una polpa di broccolo bella asciutta traferirla in una ciotola insieme a tutti gli altri ingredienti ed impastare con le mani fino ad ottenere un palla omogenea.

Stendere l'impasto su un foglio di carta da forno e cuocere circa 10 minuti con lo sportello del forno lasciato leggermente aperto aiutandosi con un cucchiaio di legno o una presina di stoffa, questo per permettere all'umidità di fuoriuscire.
In questo lasso di tempo la crosta della vostra "pizza" dovrebbe farsi dorata e iniziare a diventare croccante.

Condite con il pomodoro, la mozzarella e l'origano e rimettere in forno fino a che i condimenti non saranno cotti e filanti.

Lasciar intiepidire e servire.



Ne ho assaggiato solo un pezzettino, ma mi é piaciuta molto, perchè i sapori di pomodoro, origano e formaggio si sposano benissimo col broccolo.
Adesso sta a voi testarla e dire la vostra.

Baci come sempre,

Mucca




venerdì 4 dicembre 2015

Biscotti vegani con avena e uvetta




Quando arriva il freddo la mia passione per il té rinvigorisce e anche la voglia di unirci qualche buon dolcetto.
Ultimamente pero ho qualche problema di intolleranze alimentari e sto cercando di evitare i latticini e le uova, per questo motivo ho spulciato il web alla ricerca di ricette vegane che, come giá saprete, evitano ogni tipo di alimenti di origine animale per motivi etici.
Ne ho provate e testate un paio ma devo dire che i risultati non sono stati incoraggianti, sembra a di mangiare cartone!!!
Questa invece, con i dovuti ritocchi, non mi é dispiaciuta. Si tratta di biscotti integrali con avena ed uvetta, li ho dolcificati pochissimo con solo zucchero integrale di canna, ma per chi volesse dei biscotti piú classici e dolci troverete tra parentesi anche il quantitativo regolare di zucchero.
Non sono i classici cookies super ricchi di burro, hanno una consistenza croccantina all'esterno ma morbida all'interno e un sapore molto delicato, reso un pó più vivace dalla presenza delle uvette e delle nocciole. Magari a qualcuno potrebbero sembrare poco appetitosi, io invece li ho apprezzati parecchio perché trovo ci sia qualcosa di rilassante nel loro gusto quasi neutro e la consapevolezza di mangiare un dolce sano e poco calorico aggiunge ulteriore piacere.
I semi di chia sono ricchi di ferro, calcio ed omega 3 e 6, apportano talmente tanti benefici che ci vorrebbe un post a parte per elencarli tutti, ma in questo caso li ho scelti perchè questi biscotti non contengono uova e la gelatina che formano aiuta con la sua viscosità a tenere insieme l'impasto.
Questo trucchetto è utile anche nelle ricette salate, per esempio per fare polpette e ripieni.

Ed ecco qua la ricetta :

200g farina integrale
50g crusca di avena
50g zucchero integrale di canna o meglio light brown sugar (125g se volete la versione classica molto dolce)
100g di margarina vegan senza grassi idrogenati
100g di latte di mandorle  o nocciole *
8g lievito per dolci vegan
1/4 di baccello di vaniglia, semi
1 cucchiaio di semi di chia
1 cucchiaino raso di cannella
1/2 cucchiaino di zenzero
1/4 di cucchiaino di noce moscata
1 pizzico di sale
2 cucchiai di uvetta sultanina
2 cucchiai di nocciole tostate tritate grossolanamente

* la dose puó variare in base alla farina, sopratutto se la farina é integrale come in questo caso quindi potrebbe volercene un pó di piú o di meno, tenete da parte un pó di liquidi ed aggiungeteli gradualmente regolandovi per ottenere una consistenza morbida ma che mantiene la sua forma.

Far rinvenire i semi di chia nel latte di mandorla fino a che non sará bella gonfia e gelatinosa.
Mescolare insieme tutte le polveri con le spezie e lo zucchero.
Unire 1/4 delle polveri alla gelatina di chia e mescolare con una frusta, aggiungere la margarina ed amalgamare. Unire il resto degli ingredienti ed impastare velocemente qual tanto che basta per rendere il composto omogeneo.
Ricavare 12 porzioni, formare delle palline e sistemarle in una teglia foderata di carta da forno, poi schiacciare per formare i biscotti.
Cuocere per circa 20 minuti e lasciar raffreddare completamente prima di gustare.
Conservare in una scatola chiusa ermeticamente.

Stanno benissimo con un té chai latte (con latte di riso o avena) ma anche con una tisana ai frutti rossi, provare per credere.

Fatemi sapere cosa ne pensate e se avessi fatto qualche errore nel suggerire ingredienti che in realtà non sono proprio vegani scusatemi e segnalatemelo, perchè non conosco molto bene l'argomento ^____^

martedì 1 dicembre 2015

COUS COUS SPEZIATO CON VERDURE AL FORNO E FETA



Ultimamente mi ritrovo sempre più spesso a cucinare  verdure, forse perchè sento il bisogno di mangiare "pulito", ciò non significa però che io non abbia voglia di roba appetitosa e in questi casi giocare con le spezie è la soluzione vincente.

Questa ricetta è la mia invenzione di oggi, anche se insalate tiepide di cereali e verdure è un abbinamento che faccio spessissimo, è vegetariana e può essere declinata in versione vegana usando tofu al posto della feta ( almeno credo non ci siano controindicazioni sul resto degli ingredienti, non sono proprio informatissima sulle restrizioni vegane) , inoltre anche i carnivori possono godersela perchè si accosta benissimo a degli spiedini di polpa di coscia di pollo marinati nello yugurt e poi cotti alla piastra fino a renderli belli croccanti (provare per credere) o ad uno spezzatino di agnello in umido, omettendo la feta.



COUS COUS SPEZIATO CON VERDURE ARROSTITE E FETA

Per due persone :
1 tazza di Cous Cous precotto
1 tazza circa di brodo vegetale
2 cipollotti parte bianca e verde separata
1/4 di spicchio d'aglio
1 carota
1 zucchina
1/2 mela granny smith
1/4 di avocado a cubetti
2 pomodori secchi a striscioline
 15 olive di Gaeta sott'olio
2 cucchiaini di curry
 2 cucchiai di salsa di soia
50g di feta sbriciolata 
Olio, sale e peperoncino q.b.
 Preriscaldare il forno a 200 gradi.
Pulire e tagliare in piccoli pezzi la mela e le verdure ed unirle ad uno dei cipollotti (parte bianca) affettato, le olive ed i pomodori, condire il tutto con olio e un paio di cucchiai di salsa di soia.
 Arrostire le verdure mescolando spesso fino a doratura.
Portare a bollore il brodo vegetale e versarlo sul cous cous, mescolare velocemente e coprire con pellicola trasparente, far riposare 5 minuti e poi sgranare con una forchetta.
In un padellino soffriggere l'altro cipollotto (parte bianca) con l'aglio tritato finemente, unire il curry ed scaldare 1 minuto a fuoco moderato per non farlo bruciare, unire quindi il cous cous e saltare per qualche secondo quanto basta per amalgamare bene gli ingredienti.
 Spostare il cous cous su un piatto da portata ed usare il padellino per tostare le mandorle. Cospargere la superficie del cous cous con le verdure arrosto, l'avocado a cubetti, la feta sbriciolata e la parte verde del cipollotto tritata e peperoncino fresco a piacere.

Io ho gradito di sicuro visto che ho fatto fuori una porzione per due, fatemi sapere cosa ne pensate ^___^

sabato 7 febbraio 2015

CASTAGNOLE AL FORNO




Cosa si fa quando ti viene voglia di castagnole ma sei in un posto in cui proprio non puoi friggere??? Beh...te le fai al forno!
Io e Omo siamo scappati per qualche giorno nella sua casetta in montagna, una bomboniera piccina piccina di 20 metri quadrati in cui c'è quasi tutto, ma la zona notte e quella giorno non sono separate da nessuna porta, quindi bisogna fare attenzione a ciò che si cucina e poi lui ha deciso per un pò di stare leggero per ciò i fritti di carnevale erano proprio da dimenticare...
La ricetta l'ho trovata girovagando di foto in foto su uno di quei contenitori di immagini ma l'ho un pò modificata per renderle veramente soffici nonostante la cottura in un fornaccio di quelli a gas.
In teoria una volta fatte possono essere mangiate così con appena una spolverata di zucchero a velo oppure si possono bagnare in un liquore a piacere e rotolare nello zucchero semolato. Noi non avevamo liquori e comu que Omo non li gradisce, così abbiamo usato per metà  uno sciroppo di zucchero e limone e l'altra metà le abbiamo bagnate nel caffè ristretto.

250g di farina per dolci
50g di fecola
150g ricotta di mucca
70g zucchero
2 pizzichi di sale
8g lievito chimico per dolci
1 uovo
2 cucchiai di olio di semi o di oliva ma dal gusto delicato
2 o 3 cucchiai di latte


Setacciate la ricotta ed unite lo zucchero, il sale, l'uovo e le scorze di agrumi, con un cucchiaio di legno amalgamate per bene il composto, aggiungete l'olio ed un cucchiaio di latte e fate assorbire.
Setacciata la farina con la fecola ed il lievito sul piano da lavoro, formate una fontana al centro del mucchio e versateci dentro il composto.
Lavorate velocemente prima con una forchetta e poi con le mani formando un panetto morbido ma non appiccicoso.
Sistemate la pasta in una ciotola di plastica a coprite con un pò di pellicola quindi lasciate riposare mezz'ora.

Nel frattempo preriscaldato il forno a 180 gradi inserendo all'interno anche un pentolino di acqua calda per generare vapore.

Finito il riposo riprendere la pasta e formate 4 salsicciotti di 2 cm di diametro da cui ricavare te tante porzioni di 2 cm, ognuna delle quali dovrà essere rotolata nel palmo delle mani per formare delle sfere.
Posizionare le castagnole su una placca antiaderente o foderata di carta da forno ed infornare per 12-15 minuti di cui i primi 8 con vapore e poi togliendo il pentolino. 
Le palline non diventeranno mai come le castagnole fritte, ovvero di un bel marroncino, saranno soltanto leggermente dorate, ed è così che devono essere! Quindi non stracuocetele perchè potrebbero diventare troppo asciutte.




A questo punto non vi resta che fare raffreddare e scegliere la finitura :-)

Volendo renderle più golose potete aggiungere all'impasto iniziale 70g di uvetta ammollata nel rum oppure di gocce di cioccolato.

Noi le abbiamo gradite parecchio. Una tira l'altra perchè sono leggerissime... però così è una vera fregatura perchè se ne mangiano davvero  troppe ed alla fine abbiamo saltato il pranzo ;-)

Fatemi sapere se vi sono piaciute, mi raccomando.
Baci come sempre,

Mucca

sabato 24 gennaio 2015

MUG CAKE AL CACAO E NUTELLA





In realtá il post di oggi avrebbe dovuto essere sulla mia ritardataria torta di compleanno...ma a quanto pare il destino non vuole proprio farmela glassare, nonostante le basi siano in frigo da ieri!
Allora per consolarmi ho infilato dentro al microonde questa tortina in tazza e mi sono resa conto che pur utilizzando spesso questa soluzione di emergenza per i miei attacchi di golositá qui sul blog non avevo mai postato nulla del genere :-)
Presto fatto!
Ecco la mia Mug Cake al cacao e Nutella pronta in 2 minuti...

Ingredienti per 1 sola mug :

40g farina per dolci
14 g cacao
30g di zucchero (perfetto sarebbe fare metá zucchero semplice e metá brown sugar)
75g latte intero
20g olio di semi o burro fuso
1g lievito chimico per dolci tipo paneangeli
1 bel pizzico di sale
1 o 2 cucchiaini abbondanti di Nutella

La preparazione é semplicissima, si pesano gli ingredienti direttamente dentro la tazza e poi si amalgama tutto insieme con una piccola frusta o una forchetta ( tutto tranne la Nutella) si deve mescolare bene per togliere i grumi ma facendo anche attenzione a non sovralavorare il composto.
Una volta ottenuta una pastella liscia si fa colare al centro il primo cucchiaino di Nutella si mette a cuocere alla massima potenza per 1 minuto e 1/2 circa.
Dovete dare un'occhiata mentre cuoce, quando il dolce si sará gonfiato e smetterá di crescere fate cuocere altri 5/10 secondi e poi toglietelo dal forno.
A questo punto aspettate un pochino per far leggermente raffreddare la torta, se volete date una piccola spolverata di zucchero a velo e....godete!
Se vi piacciono le cose super ricche e non tenemete attentati alla vostra linea potete colare un secondo cucchiaino di Nutella sul dolce appena sfornato, con il calore diventerá morbida e glasserá tutte la superficie.
Io questa volta l'ho evitato ;-)

É un dolce senza uova e volendo puó diventare anche senza latticini sostituendo il latte con latte di mandorle che ci sta benissimo.
Vi invito caldamente e non fare il calcolo delle calorie......


Fatemi sapere se lo provate!
Un bacio come sempre

Mucca

domenica 18 gennaio 2015

SEITAN FATTO IN CASA




Che cosa si fa quando si ha in casa una sorella vegetariana non per scelta etica ma per schizzinositá?
Beh, si sperimenta ovvio.
Dopo il mio compleanno e la relativa cenetta Thai mi ritrovo in uno di quei periodi in cui ho sempre voglia di cucina etnica e oggi in particolare di ravioli cinesi al vapore.
Ho in casa quasi tutto, ma la dolce sorellina vuole partecipare anche lei al banchetto e quindi cosa mettere nel ripieno al posto della carne di maiale? Io sono allergica ai gamberi, quindi fare ravioli ai crostacei non se ne parla, solo di verdure si potrebbe ma a me piace tanto la consistenza masticosa che solo la proteina riesce a dar loro, cosí mi é venuto in mente il seitan! :-)
Qui da me in paese trovarlo é impossibile, ma ho spesso visto sui siti di cucina vegetariana articoli in cui si spiegava che farlo in casa non solo é possibile, ma é anche piú economico, cosí mi sono armata di ciotola, cucchiaio e pentola a pressione (anche una normale va benissimo) e mi sono data da fare.

Per quelli di voi che non fossero al corrente, il seitan é un alimento di origine orientale molto usato in giappone, si tratta in pratica di proteine estratte da un impasto a base di grano o altri cereali glutinosi attraverso una serie di lavaggi che eliminano gli amidi, ció significa che piú la farina é ricca di proteine e piú frutterá in termini di resa in seitan, spesso quindi vengono usate farine di forza come la manitoba.
É un pó come se fosse una "carne vegetale" e proprio questa ricorda sia nella consistenza che blandamente nel sapore, con peró il vantaggio di non contenere grassi saturi e di quindi di non favorire l'ipercolesterolemia, in piú é abbastanza light perché apporta circa 120/130 kcal per etto.
Si puó usare per spezzatini in umido nei quali assorbe molto bene i sapori dell'intingolo (ció vuol dire che anche in altre preparazioni basta farlo marinare per renderlo ogni volta diverso e saporito), per ragú, polpettine e bistecchine sia alla piastra che impanate e fritte, proprio come fosse una taglio di carne qualsiasi, molto comodo insomma!
Unico neo é che non lo si potrebbe mangiare tutti i giorni perché essendo in pratica un concentrato di glutine del grano con un utilizzo smodato potrebbe irritare l'intestino, ma d'altronde tutte le diete squilibrate si sa fanno male e l'intelligenza da sola dovrebbe portarci a preferire una dieta varia e ricca di tutti i nutrienti per essere certi che sia anche equilibrata e salutare.
Ma vogliamo vedere come realizzarlo? Per due persone vi serviranno :


500g circa di farina di forza ( ma se volete usare ció che avete in casa potete sacrificare un poco di farina qualsiasi, magari del tipo zero per pane e focaccia)
200-220ml di acqua

1 costa di sedano
1 carota
1 cipolla
1 spicchio d'aglio
1 dado vegetale del tipo senza glutammato
2 cucchiai di salsa di soia
Spezie a piacere, io ho usato radice fresca di zenzero e paprika dolce


In una ciotola impastare la farina e acqua quanto basta ad ottenere un impasto della consistenza di una pasta da pane, quindi non troppo duro, ma che non si appiccichi alle dita.
Trasferire l'impasto sul piano di lavoro e lavorarlo impastando con energia per almeno 10 minuti, questo serve a sviluppare piú possibile il glutine e a migliorare la resa finale dell'impasto.
Una volta terminata questa fase dovreste avere un panetto liscio, setoso e sopratutto elastico.
Riponete la palla di impasto nella ciotola e coprite con acqua tiepida, quindi lasciate riposare a temperatura ambiente per almeno un'ora.
Mentre la pasta riposa iniziate a preparare il brodo mettendo tutti gli ingredienti in una pentola con circa 1 litro d'acqua.
Io ho preferito un brodo leggero e non troppo salato, ma potete tranquillamente decidere di aumentare il dado da brodo o aggiungere del sale.
Una volta terminato il riposo mettete tutto in uno scolapasta, collocate quest'ultimo in una ciotola che lo contenga di misura e cominciate la fase di risciacquo.
In pratica dovete riempire d'acqua lo scolapasta e massaggiare energicamente la pasta con le mani cercando di scogliere il piú possibile gli amidi che via via si separeranno dalla parte proteica disperdendosi nell'acqua. Cambiate frequentemente l'acqua nella ciotola alternando quella fredda ad quella calda.
Dovete massaggiare e risciacquare fino a che l'acqua non sará quasi limpida.
Vi accorgerete che l'impasto cambierá aspetto e consistenza diventando molto elastico e spugnoso, in effetti alla fine di questo processo assomiglierá parecchio ad una spugna di mare!
Adesso passate alla cottura.
Io ho preso il mio impasto, l'ho strizzato e poi l'ho fatto sgocciolare per bene nello scolapasta, quindi l'ho legato come un arrosto e messo in pentola nel brodo giá in ebollizione, ma c'é chi preferisce arrotolarlo stretto in un canovaccio di cotone o panno di mussola legandolo a caramella.
Con questa seconda tecnica otterrete un risultato di compattezza omogenea mentre invece legandolo come ho fatto io avrete una morbidezza maggiore.
Se scegliete di cuocere il vostro seitan nel panno ricordatevi di far bollire preventivamente il canovaccio in acqua e bicarbonato per eliminare ogni traccia di sapone da bucato.

La cottura per un panetto di piccole dimensioni come questo é di circa 40 minuti in pentola normale e 25 minuti in quella a pressione.

Il seitan si conserva tranquillamente per una settimana in frigorifero, basta tagliarlo a fette e chiuderlo in un contenitore ermetico coperto dalla sua acqua di cottura.

Spero di essere stata chiara e che questo post possa esservi utile, cercheró di fotografare e postare anche la ricetta dei ravioli al vapore di domani ;-)
Se vi cimenterte nella produzione poi fatemi sapere com'é andata eh!

Un bacio come sempre,

Mucca